Edicola n. 1

AL PIANO SANT'IPPOLITO
Oggi ho il piacere di comunicarvi che inizia una nuova "rubrica". Dopo quella specie di censimento delle fontane-fontanelle-abbeveratoi. incomincia quella delle Edicole Votive sparse per la Città e il suo circondario. Da wikipedia apprendiamo che <<l'edicola è una struttura relativamente di piccole dimensioni, con la funzione pratica di ospitare e proteggere l'elemento che vi è collocato. Il tremine deriva dal latino aedicula, diminutivo di aedes (tempio) e dunque con il significato originario di "tempietto". Strutture di protezione per le immagini di culto popolare tramandato nei secoli come ex voto per uno scampato pericolo come una carestia o una pestilenza, comunque strumento di aggregazione della comunità cristiana che presso di essa si può unire in preghiera>>. In altre parti d'Italia vengono chiamate con altri nomi, per esempio nella Lombardia Orientale e nel Piemonte sono le santelle (luogo legato ai santi), nell'area veneta sono i capitelli (dizione dialettale capitèl), il altre parti sono i tabernacoli o le nicchie. <<In molti casi le edicole votive posizionate nelle campagne erano luoghi di arrivo di particolari cerimonie religiose chiamate rogazioni, che si celebravano in determinati giorni dell'anno>>. Ovviamente nel mio giro di ritrovamento ne ho fotografate di tutti i generi. Ci sono quelle tenute benissimo e in ordine con fiori e ceri e ci sono quelle chiuse o abbandonate, ci sono quelle aperte e quelle con le grate. Tutte dimostrano gli "alti e bassi" che nei secoli ha avuto la fede cristiana nella popolazione. La prima Edicola o Capitello votivo della nostra rilevazione-raccolta-recupero è quella al Piano Sant'Ippolito a pochi metri dalla croce in pietra dei Cappuccini e da quelle in legno del Calvario. Come si ricorda nel post 321 anni fa La Catastrofe , questa Edicola rappresenta la testimonianza dell'erezione di una semplice baracca-cappella per ospitare il Vessillo della Patrona portato in processione il 12 gennaio 1693, per chiedere la grazia di salvare gli abitanti piazzesi dal terribile terremoto del 9 e 11 gennaio.
 cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo