L'or d' Ciàzza / 1

 Nocciole già raccolte

Le coccole, bacche del ginepro

   A cugghiùa î n'zzöli

Ciàzza, p' 'nfina ô s'ssànta era canusciùa pâ r'cchëzza e a gualt'tà dî n'zzöli, ciamàdi "cocculi d'or" (da coccola = bacche e frutti del ginepro). Tanti sp'ttàv'nu a cugghiùa di n'zzöli p' dè a mangè â famìgghia. A buscagghiàda dî n'zzöli era traff'chiösa ma purtàva tant brìu. I g'bbiöi, i bögghi, i ddav'néri, s'rvëv'nu a b'v'rè i giardì. Quann i campàgni nan r'nnìnu ciù (u p'rchì è ddöngh...!) ggh' fu na ranna m'graziöngh e d n'zzöli nan s' nparrà ciù! (tratto da Lucia Todaro, Tempi d' Ciàzza - Calendàri â ciaccësa - S'ttèmbr 2009)

Traduzione: La raccolta delle nocciole. Piazza, sino al 60 era conosciuta per la ricchezza e la qualità delle nocciole, chiamate "coccole d'oro". Tanti aspettavano la raccolta delle nocciole per dare da mangiare alla famiglia. Il racimolare quello che era rimasto dopo l'ultima raccolta delle nocciole era trafficoso ma portava tanto brio. Le grandi vasche, le sorgenti, i canali, servivano a irrigare i giardini. Quando le campagne non resero più (il motivo è lungo...!) ci fu una grande emigrazione e delle nocciole non se ne parlò più! (segue)

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo