L'or d' Ciàzza / 2

 

U giardìngh

U t'rréngh

Com prima cosa s'hada studiè u t'rréngh s'è a B'ddëa o 'nvérs â marìna. U Sammùcch', a Frattùdda, Vadd'rànna, i Ciavarì, a Sarrafìna, i Paraöri... er'nu quas'ch tutti propietà fàit a n'zzòli. I t'rrèni â banna manca nan vulév'nu ess tant b'v'ràdi, spèci s' a n'zzòla era s'ccàgna. Defàtti s' d'sgéva: "terra r'm'nàda è menza b'v'ràda!". Ma, com iè iè, i n'zzòli d' Ciazza er'nu num'nàdi pâ ranna gual'tà!
Traduzione: Il terreno. Come prima cosa si deve studiare il terreno se è verso la Bellia o verso il mare. Il Sammucco, la Fratulla, Vallegrande, i Ciavarini, a Serrafina, i Paratori... erano quasi tutte proprietà seminate a nocciole. I terreni a tramontana non volevano tanta irrigazione, specie se la nocciola era di quelle non irrigate sin dall'interramento. Difatti si diceva; "terra rimescolata e mezza irrigata!". Ma, in tutti i modi, le nocciole di Piazza erano nominate per la grande qualità!

Nâ 'nv'rnàda

Nâ 'nv'rnàda u giardìngh s' scauza, s' scipp'nu i faiddöi e nt 'nfussöngh, d' 50 p' 50 cm., s' ciant'nu com dësg bacchètti, s' tacch'nu 'mpönta p' félli drìtti, dop döi, trë anni crésc'nu. Ddöcch' s' ponu ddascè i rad'càdi e i faiddöi s' va ciànt'nu ad autri banni... mpùr ntô ménz dâ tròffa végghia, ma agn faiddöngh hada ess d'stànti. U giardìngh po' durè mpùr 150 anni, ma s'hada r'nnuvè...!
Traduzione: In inverno. In inverno il giardino si toglie la parte secca, si sradicano i polloni e nei fossi, di 50 per 50 cm., si piantano circa 10 bacchette, si legano in punta per farli diritti, dopo due, tre anni crescono. Lì si possono lasciare le radici e i polloni si vanno a piantare in altri posti... pure in mezzo al cespo vecchio, ma ogni pollone deve essere distante. Il giardino può durare anche 150 anni, ma si deve rinnovare...!
 
(tratto da Lucia Todaro, Tempi d' Ciazza - S'ttémbr 2010 - Cuntà dû zù Fulippu D' Sangh) 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo