L'or d' Ciàzza / 4

No giardìngh ô 'Ndrìzz, anni '50 (foto di Pino Farina)

Ntr' aöst e s'ttèmbr

Ntr' aöst e s'ttèmbr u giardìngh s' scutòla e s' fa a prima cugghiùa. Dop 15 giorni s' r'pìgghia a cugghiùa e s' tranculìa i rami; i n'zzòli vérd nan s' fanu cad bass'nò ggh' vo tant témp a nesc u frùtt dû cach'rabò. I cugghiöri s' purtàvnu tutta a famìgghia ggh' putèv'nu ess mpùr i giurnatéri.
Traduzione: Tra agosto e settembre. Tra agosto e settembre il giardino si scuote e si fa la prima raccolta. Dopo 15 giorni si riprende la raccolta e si scuotono i rami; le nocciole verdi non si fanno cadere se no occorre tanto tempo ed esce il frutto dall'involucro fogliaceo. I raccoglitori si portavano tutta la famiglia e potevano esserci anche i giornalieri.

Patröi e... sötta

U patröngh ô sol't fasgëva 3 part cu na part. Tutt u travàggh l'avéa fè u gab'llott e r'cugghiéva secönn û patt cû patröngh. Ô m'tatèr 'nvèci ggh' tuccàva a m'tà! A cunsëgna dî n'zzòli ê cumm'rciànti s' fasgëva 'ncampàgna! U prèzz cangiàva agnad'ann cû sanzàu. U m'tatèr sî v'nnëva dop â buscagghiàda, ch'era l'urt'ma cugghiùa. S' u patröngh era d' böngh còr defatti a ddasciàva tutta a iéu, bass'nò s' fasgéva u patt prima. 
Traduzione: Padroni e sottostanti. Il padrone al solito faceva 3 parti e una parte. Tutto il lavoro doveva farlo il gabellotto e raccoglieva secondo il patto col padrone. Al mezzadro invece gli toccava la metà! La consegna delle nocciole ai commercianti si faceva in campagna! Il prezzo cambiava ogni anno col sensale. Il mezzadro se li vendeva dopo aver fatto l'ultima raccolta di quello che era rimasto. Se il padrone era di buon cuore infatti la lasciava tutta a lui, se no si faceva il patto prima. 

U cummèrc î n'zzòli

Dâ B'ddëa, i treni annàv'nu a Dittainu pû Cunt'nént; a Gela i n'zzòli s' purtàv'nu chî carrètti e poi i carriàv'nu 'ncav ê nav. I patröi, quànn s' v'nnév'nu 'mpézz d' giardìngh, s' sauvàv'nu u cènz e campav'nu d' rénnia!
Traduzione: Il commercio delle nocciole. Dalla Bellia, i treni andavano a Dittaino per il Continente; a Gela le nocciole si portavano con i carretti e poi si caricavano sulle navi. I padroni, si vendevano una parte del giardino, si riservavano il censo e vivevano di rendita!
(Tratto da L. Todaro, Tempi d' Ciàzza, Calendàri â ciaccësa, Cuntà dû zù Fulìppu D' Sangh, S'ttémbr 2010) (segue)
Gaetano Masuzzo/cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo