L'or d' Ciàzza / 5

U giardìngh prima: travagghià!
U giardìngh dòp: bannunà!

A fìngh dû giardìngh!

 
Ntô 1937-1938 s' fés l'ammàss volontàri p' fé canösc a qual'tà dî nostri n'zzòli. Fè 'nconsòrzi putéva iutè patröi e v'ddài a fè i prèzzi ciù basci! Dòp a guerra, Ciàzza era a sècönna dâ S'cìlia, com quant'tà d' n'zzòli r'cugghiùi; ma i témpi cangiàv'nu e u rann travàggh dû v'ddàngh nan putèva manténgh ciù a famìgghia! Ntô 1950 i campâgni cum'nzànu a ess bannunàdi! E i giardì sc'ppàdi! Cu tutti i rad'càdi, e accuscì f'nì l'or d' Ciàzza! (tratto da L. Todaro, Tempi d' Ciàzza, S'ttémbr 2010, U cönt dû giardìng, Cuntà dû zù Fulippu D' Sangh)
 
Traduzione: La fine del giardino!
Nel 1937-1938 si fece l'ammasso volontario per far conoscere la qualità delle nostre nocciole. Fare un consorzio poteva aiutare padroni e villani a fare i prezzi più bassi! Dopo la guerra era la seconda della Sicilia, come quantità di nocciole raccolte; ma i tempi cambiavano e il grande lavoro del villano non poteva mantenere più la famiglia! Nel 1950 le campagne iniziarono a essere abbandonate! E i giardini divelti! Con tutte le radici, e così finì l'oro di Piazza! (segue)

cronarmerina.it  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo