1820 Turista Auguste de Sayve

Tra i visitatori più importanti della nostra Città nel XIX secolo, troviamo il francese Auguste de Sayve (1790-1854) e ci fa sapere che nel 1820 ca. <<…essa era situata a qualche distanza dalla città moderna. Se ne vedono dei resti insignificanti, che consistono in basi di mura ed in alcuni mattoni, in una località chiamata Casali, presso la montagna Filosofiana, a una lega da Piazza. La città attuale, che ha circa 12.000 anime di popolazione, è molto graziosa… I suoi dintorni sono molto gradevoli… così la fertilità di queste campagne ha fatto dare alla città il soprannome di Opulentissima>>. A proposito di questo viaggio in Sicilia, ho pescato questo articolo della giornalista Leda Melluso <<Auguste de Sayve ritornò a Parigi con una pulce in testa: perché neppure una parola, una sola? Ciao, riverisco, sabbinirìca. Niente. Mentre cavalcava alla volta di Castelvetrano, in una di quelle giornate afose che più non si può, il francese osservò un uomo seduto sul bordo della strada. Bastò quello sguardo forestiero per fare alzare di scatto il siciliano che con una mano indicò al viaggiatore il sole che, alto nel ciel, ruggiva più che mai, e con l'altra gli offrì un orcio di vino. "Ma che caldo fa in Sicilia! Ma che giornata di scirocco! Dalle nostre parti succede spesso. A quest'ora è meglio non mettersi in cammino. Si beva un po' di vino che si rinfresca. Questo vino è buono e lo faccio io...". Tutte queste cose le avrebbero dette un ligure o un lombardo. Ma un siciliano no! Il siciliano era muto come un pesce. Che fa a questo punto lo straniero? Ammutolisce pure lui ed è logico perché uno si sente un cretino a parlare con chi è tanto sicuro di sé che disprezza anche la parola. Non restò altro da fare a De Sayve che prendere alcune arance che teneva dentro un sacco sul davanti della sella e darle a quell'uomo che se ne andò tutto contento. E in silenzio>>.

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo