Poeti e Poesie

S' avéss a dì: Avöma

La sigla “Ema”¹, alla ribalta in questi ultimi giorni, ha dato lo spunto al prof. Tanino Platania per comporre un’ironica poesia a ciaccësa. EmaA paròdda Ema, a via d' ddà,vò dì: European Medicines Agency,¹a via d' zzà,nû ciaccés 'ncaucà, vò dì : “Dobbiamo”. P' dì u fàit a ver'tàs' avéss a dì: Avöma, ma giacché a gnurànza, zzà, romp a d'vuziöngh' 'mpùru a sant’tà, -'mpùru a ddéngua è a l’egua e ad ô stravént- 'nciudöma 'n'ogg e fasgiöma fìnta ch' ggh' sta. Sci! Tanti vòti, ungh'ad â fèr fìnta d'…

La Sicilia della Cerasuolo/2

Dopo la lirica GENTE DI SICILIA, sempre dalla raccolta Il fiore all'occhiello del 1987, eccovi DONNE DI SICILIA (a p. 78), I BIMBI DELLA MIA TERRA (a p. 77) e I VECCHI DELL'ISOLA (a p. 76) della poetessa Anna Maria CERASUOLO ZACCONE (P. Armerina 1917 - Vittoria 2002). Le liriche sanno cogliere in maniera semplice e chiara i tratti essenziali dei Siciliani. DONNE DI SICILIALanguide e vibrantinascondonosotto ciglia di gazzellail fuoco che le divorae le rendepavide e ansioseal pensiero d'un bacio.Ma non c'è fretta in loro.Sanno tendere le reti dorateai…

La Sicilia della Cerasuolo/1

Nella seconda parte del volume-antologia POESIE della poetessa Anna Maria CERASUOLO ZACCONE (1917-2002) troviamo a p. 74, nella raccolta Il fiore all'occhiello del 1987, la lirica GENTE DI SICILIA, nella quale lei fa un quadro reale, sincero e crudo di noi Siciliani. GENTE DI SICILIA La mia gente porta,su un volto di pietra,solchi d'affannimisteri di nottifierezza di stirpidisinganni di schiavi.Gli occhi che ardonoindagano e diconosenza che il labbron'abbia un sussulto.Espressa da un suolo di biade e di sterpi,avvezza a tempestedi vento sonoro,sorrisa da cielibattuta da mari,conosce miseriegrandezze ed orrori,deliri d'arancisommosse…

La poetessa Anna Maria Cerasuolo/2

Ritratto¹ della poetessa Anna Maria CERASUOLO ZACCONE (1917-2002) nella IV di copertina della sua antologia POESIE del 2012 Seconda Parte La biografia della poetessa Anna Maria Cerasuolo che si trova nelle NOTE della sua raccolta POESIE del 2012 continua così: <<A Milazzo, però, non c'era un ospedale, né civile né militare, sicché il giovane musicista venne ospitato - e curato - in casa di una famiglia del luogo, che, forse, era quella del medico condotto. Ciò fu causa di un mutamento radicale della sua vita, in quanto si innamorò della…

La poetessa Anna Maria Cerasuolo/1

Quadro con lettera autografa di Sibilla ALERAMO in Biblioteca Comunale Frequentando e osservando tutto quello che c'è nella nostra biblioteca, saltano fuori belle e interessanti scoperte. Nel quadretto (nella foto) appeso sulla parete di destra dell'ex Sala Del Coro dei Gesuiti, oggi Sala "Filippo Acquachiara" che ospita la Mostra Del Libro Antico di Piazza, esiste una lettera manoscritta del 1952 che inizia a essere quasi illeggibile, più chiaro invece è l'indirizzo sulla busta "Signora Anna Maria Zaccone Cerasuolo, Via Crocifisso 17, Piazza Armerina (Enna)". Sin qui nulla di eccezionale, ma…

Piazza, dopo il rogo

Panorama desolante dalla Cresta del Gallo La catastrofe a cui abbiamo assistito ci ha lasciati orfani del meraviglioso verde che chissà quando ritornerà, ma dimenticheremo, dimenticheremo, non impariamo. PIAZZA, DOPO IL ROGO Dopo l’incendio di agostotorno in quel magico posto,sotto la Cresta del Gallovedo un paesaggio brullo.Niente è più come primasembra un’altra Hiroshima.La distesa dal verde mantoè mutata in giallo spento.Tanta pineta è scomparsarimane solo terra arsa.Quell’aroma inebrianteora è solo ripugnante.Non c’è vegetazionesolo cenere e carbone.Gli alberi più impettiti sono scheletri anneritie attraversando un percorsopossono finirci addosso. Piazza col suo…

I "Riflessi" di Minacapilli

Questa è la locandina della presentazione a Piazza il prossimo venerdì 26 maggio del libro di poesie del prof. Filippo MINACAPILLI. Filippo MINACAPILLI vive ad Aidone (EN), dove è nato nel 1949. È stato docente di Filosofia e Pedagogia. Attualmente è Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta. Collabora con il quotidiano on line Etna Mare Reporter di Acireale e con Palermomania Puntoit. Di recente alcune delle sue poesie sono state pubblicate in varie antologie. La sua vena poetica, rivelatasi con maggiore “prepotenza” in questi ultimi anni,…

L'inno all'amicizia a ciaccësa

Alcuni miei amici mi hanno chiesto questa volta di fare il contrario delle volte passate, tradurre a ciaccësa il brano "Inno all'amicizia" che qualche giorno fa è stato pubblicato in italiano. Eccovi la traduzione in galloitalico, sono sicura che vi farà un altro effetto. La foto è familiare e ritrae lo stringersi delle mani di due grandi amiche, per sempre. ÌNNU ALL'AM'CÌZIA L’am’cìzia, cödda vèra,è cumplèta e d ddöngha duràda.È ‘na màngh ch’t naca,ch’ t s’cuta ad ogn pass senza mai dì’t <<Nan pozz!>> È cö fìu ch’ döi cöristrénz…

Inno all'amicizia

Durante il mio breve soggiorno armerino, ho avuto la bella occasione di intrattenere molti rapporti amicali. Essi mi hanno dato modo di riflettere sul grande valore dell’amicizia, dandomi la spinta a scrivere questo…INNO ALL’AMICIZIA L’amicizia, quella vera,è profonda e duratura.È una mano che ti culla,che ti segue ad ogni passosenza mai dirti <<Non posso!>> È quel filo che due cuoritiene stretti in un abbraccio,li trasporta… e in un momento,senza fare alcun rumore,fa volare contro vento.L’amicizia è la favola dei libriche hanno sempre lieti fini.Ogni età di lei ha bisogno,se si…

Inno all'albero

L'albero davanti casa al Nord Fino ad ora i miei lavori hanno avuto lo stesso comune denominatore: il Sud e nello specifico il paese i cui sono nata, cioè Piazza Armerina. Dopo la "sorte" toccata al nostro cedro secolare e nonostante il dispiacere che questa notizia mi abbia procurato, ho sentito il bisogno di scrivere quasi un "inno" dedicato ad un altro albero ben vivo e vegeto che è stato inconsapevole spettatore (e tuttora lo è) della mia vita qui al Nord, dove vivo. L’ÀRBULU DA MI’ VÌTA <<L’àrbulu a…
Sottoscrivi questo feed RSS

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo