Una missiva da GESÙ

 
Presepe nella Cappella de Assoro, Chiesa di S. Pietro

A proposito dei doni portati a Gesù Bambino dai Re Magi per l'Epifania

MITTENTE : GESÙ

 A voi uomini, che infangate il nome di mio padre.
A vous, qui ne crajez pas à ma venue.
 
A vosotros traidores qué por treinta dineros,
después, me envolvéis en un sudadero.
To you, who ask me to rebirth
every year to save the earth.
 
E viautri, ch' m' cum'gghiè d r'gai,
purtànn or, 'ncéns e rocchiuli ntê mai;
avéss piasgér d' r'stè pov'r, ô caud dâ mangiaöra!
Quant e quant voti v' l'höia dì ancora???...
 
...M' piasgéss d' sént u sciàt dû bò e d' l'um'rtà,
i carezzi d' me matri e du papà,
e l'antìca priera d' 'na ciaramédda
ô lustr d' 'na stédda...
 
...Cu 'na vici d' pangh ddis
vû fazz Ié, u r'gau dû Paradis
e v' fazz parrè a ddengua dâ Vita Eterna,
senza scangè u ddusg p' curaru pâ ddanterna...
 
...Eh sci, p'rchìa Parodda s'ada capì
senza ddèzz, senza avèr ch dì,
cu a vici â contemplaziongh, còm diss Austingh
quann, ancöra zzaggiùsa, fasgèa u parringh.
 
'N'uggiàda â Sacra Scr'ttùra
e v' dd'vè d' agn cugn'ntùra.
 
Tanino Platania
 
Con questa poesia il poeta ciaccës ha vinto il I premio nella "Sezione A - dialetto" del Premio Naz.le di Poesia "Natale - Città di Tremestieri Etneo - XV Edizione 2003" il 10 gennaio 2004.
 
<<< domani la traduzione >>>
 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo