Il poeta Girolamo Giusto

Girolamo (Mimì) Giusto Candrilli, 1868-1941
Solo da pochi giorni ho avuto tra le mani due volumetti¹ di poesie in siciliano di un poeta nato a Villarosa (EN) figlio di un piazzese, ma vissuto a Piazza Armerina e solo negl'ultimi anni della sua vita a Catania. Si tratta di Girolamo GIUSTO CANDRILLI, nato a Villarosa (o Bellarrosa, come lo chiama il poeta dialettale Vincenzo De Simone, nonché procugino del Giusto) nel 1868 e morto a Catania nel 1941. Insegnante di lettere per lungo tempo al Liceo Classico della nostra Città, a metà degli anni '30 si trasferì a Catania e nell'ultima poesia della sua opera CHIAZZA li so campagni... del 1937 (qui sotto riportata) ci spiega come la lontananza lo abbia portato a raccontare "i luoghi e tipi della nostra cittadina o del contado" dove "si delinea la bonomia del Poeta, venata leggermente talvolta da un'ironia sottile e un po' amara"² con un poco di "quella dolce nostalgia che occupa l'anima degli isolani... e gli accenti di passione per le proprie contrade e per la propria casa, e per i morti e per i vivi, parenti, amici, scolari, vicini e lontani".³
 
LITTURI MIU...
 
Lu cuntu è dittu, lu cuntu è finutu,
ti dicu lu pirchì ti l'haiu cuntatu:
quann'era picciutteddu iu fici un votu
di cilibrarlu stu me Chiazza amatu;
lu tempu chi fui ddà mi stetti mutu,
pirchì a lu cori ci mancò lu sciatu;
luntanu e cca, st'amuri miu crisciutu
la lingua mi sciugghì ed haiu cantatu.
 
Dimmilu tu, chi finu a cca ha' liggiutu,
si stu me cantu arriniscìu... stunatu.*
 
Girolamo (Mimì) Giusto Candrilli, Catania, 1937

¹ Scagghi e risugghi del 1933 e Chiazza, li so campagni e la cugghiuta di li nuciddi, rimi malincunusi in dialettu sicilianu del 1937. La IV di copertina di quest'ultimo, oltre al prezzo di £ 10, ci fa sapere che il primo era già "esaurito" e un terzo (Canta lu vecchiu) era "in preparazione";

² Dalla prefazione del prof. Leonardo Gebbia, suo alunno e negli anni '60 preside del Magistrale "F. Crispi";

³ Dalla prefazione del poeta Vincenzo De Sinone in Scagghi e risugghi del 1933; 

* Prossimamente proporrò alcune poesie del suo "cantu", così vi renderete conto se "arriniscìu... stunatu" o no.
Gaetano Masuzzo/cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo