U mastru di baccanu

La ghiandaia o càngh'ragià o carragià
 
 
 
 

L' AUCEDDI

 
Merli, marvizzi, chiuppi, turtureddi,
risignoli, cardiddi, pipituni,
e carcarazzi e poi carcarazzeddi,
pizziferri, spriveri e calandruni.
 
Pirnici, riddi, cucchi e quagghiceddi,
e beccafichi, rìnnini e tuduni,
ciàuli, gaddazzi e d'acqua gaddineddi,
"populu bassu" e qualchi ciciruni.
 
Ma nni chisti campagni è lu suvranu
'n auceddu murritusu chi truzzìa
l'armali gridazzeri e cantaturi.
 
Lu carragià ! Gran mastru di baccanu:
abbaja, frisca, canta, gnaulìa...
stu pappagaddu di li Paraturi !
 
Girolamo Giusto, 1937
 
Gaetano Masuzzo/cronarmerina

Commenti  

0 #1 Franco 2016-04-10 12:15
Solo chi frequenta le nostre campagne può capire quanto è vero quello che il poeta ci descrive in questi pochi versi.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo