Rimproveri antiquati ma indelebili

Il carabiniere del ritratto, Ful'ppìnu Termini

 Anni 50, altri tempi, altra educazione, altri valori, ormai obsoleti e fuori moda.


AÖI T' FRUNTÀSTI D' SALUÈR'M


Quànn sï ab'tuàta a ved to pàtri ntê r'tràtti 'mpuru 'mp'nnui casa casa

V'stuit 'n pòmpa magna, cu ddà bedda d'visa nèra d' carrub'nèr,

Ddà bedda fascia bianca e 'n tèsta u capèu cu p'nnàcch culöratu


E tu sï 'na p'c'ddètta d' növ désg ànnetti

Ch' cumenza a dumannè's i primi p'rchì e p'rcom da vita

Nan t' capac'ti a ved to pàtri casa casa d'vers d' cö dî r'tràtti.


Ddà, giövu e b'ddàzz com u sö cu i cavègghi nèri

E döi musàzzetti ch' ggh dèv'nu so l'apparènza d' l'om autor'tàri

P'rchì sötta sötta jéu era böngh com u pangh.


Ma u savöma, u temp è 'n rann cam'naör

E 'ntant tu crésci e 'mpùru to pà nan ha ciù a s'm'gghiànza

Du bèu carrub'nèr du r'tràtt.


A dìvisa nèra ha lasciàit u pòst a na giaccghètta marröngh

Manch tant növa. O post di scàrpi nèri e luc'di

Ggh vidi e pè st'vàli àuti o g'nögg.


U bèu capèu cu p'nnàcch culöratu

Ha r'stà ntô r'tràtt

P'rchì ora to pà usa na b'rrètta.


E v'stu accuscì ogn' mattingh s' n'ara anné a B'ddìa

Unna travagghia còm cap'squatra

P'aum'ntè i grài da so pensiôngh d' carrub'nèr.


Quann a séra jèu s' r'cöggh 'n casa stànch

Ggh vai 'ncontr tu brazzi e nan t' 'mpòrta

S' nan è v'stuit 'n pòmpa magna.


'N ddà vòta però no mèntr ch' stavi giuànn e mùcci

O Ciàngh Pretùra 'nzému o sòl't grùppètt d' carusetti amici toi

Scarìsti d' dduntàngh to pàtri ch' s' stava r'cögghienn 'n casa dòp u travàggh.


Tu ca cöda d' l'òggi

V'ddenn'lu v'stuit còm avöma spiegat prima

Pruvàsti N'AMAR S'NT'MENT D' V'RGOGNA.


V'sgingh a ti ggh'er'nu i toi cumpagnétti

E non avisci mai vulùit ch' jeddi avvess'nu v'duit to pàtri

V'stuit 'n ddà manèra.


Allöra fasgisti n'att ch' ancö aôi a to cuscenza r'mulìa

T' vutasti d' ddabànna

P' fè finta d' nan canösc'lu.


To pàtri era n'om mutàngh'n e i so pochi paròddi

I disgeva d' preferènza cu l'öggi. Ma cödda sèra, s'tàti 'n tàvula

I so öggi r'sta'nu a f'ssé u piàtt da m'nèstra ch' ggh'avéa danànzi.


E fu accuscì ch' i to aréggi scutànu cô ch' mai e pöi mai

Na figghia avèss vulùit sent's dì d' so pà

"AÖI T' FRUNTÀSTI D' SALUÈR'M".


Rosalba Termini, Febbraio 2016

N.B. Di questa poesia è disponibile la traduzione


 cronarmerina.it

Commenti  

0 #10 giusi 2016-02-25 08:54
in riferimento ultimo lavoro di ROSALBA TERMINI:difficile per una figlia rimuovere l'immagine paterna delle sua prima infanzia....e , come l'albero si nutre dalle sue radici, anche l'anima ritorna all'infanzia, il piu' immenso luogo del cuore..complimenti ROSALBA, amica di ieri, di oggi, di sempre!!!
Citazione
0 #9 fedora 2016-02-06 12:11
Ciao Rosalba,
come sempre ti distingui nell'espressione poetica in vernacolo....la traduzione ha agevolato la mia comprensione! Versi toccanti ed emozionanti. Un abbraccio.
Citazione
+1 #8 Giusi Costa 2016-02-04 15:22
Grande componimento evocativo e commemorativo della figura più fondante della nostra vita: il padre, in una visione adulta della nostra infanzia. Un padre che si staglia nella nostra anima con la possenza di un sentimento autentico e ancestrale della gente del Sud. Un'escalation di emozioni indicibili. Grande Roslaba. La tua amica di sempre. Giusi Costa
Citazione
0 #7 Filippo da Vercelli 2016-02-04 09:55
Veramente bella Rosalba. Brava come sempre riesci a trasmettere intense commozioni.
Saluti.
Citazione
0 #6 Giusy Failla 2016-02-03 20:14
Ho appena letto la poesia, bella. Ho riconosciuto lo zio dalla foto. Mi sono commossa. Ciao
Citazione
0 #5 Andrea 2016-02-03 19:36
Bellissima, ed emozionante come sempre...
Citazione
0 #4 Giusy 2016-02-03 19:31
Congratulazioni!! Ho appena letto la poesia, molto bella. Mi sono commossa. Ho riconosciuto li zio dalla foto. Un grosso bacio.
Citazione
0 #3 Francesco 2016-02-03 17:56
Gradevole e sentita!
Citazione
+2 #2 herald 2016-02-03 13:46
Complimenti a Rosalba. Veramente una poesia "toccante". Brava. Brava.
Citazione
0 #1 Rosalba Termini 2016-02-03 12:10
Grazie Gaetano!! Come facevi a sapere che proprio oggi, 3 Febbraio, è il 45esimo anniversario della scomparsa di mio padre?!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo