Inaspettatamente In evidenza

Quando meno te l’aspetti, tra le cianfrusaglie lì da anni, puoi trovare anche…  

DDA CARÉZZA NTȂ GNUNÀDA
Tutti o quàs tutti ggh l’avöma
U mi s’ ciama Pòzz d San Patrìzi
Fu mi fìggh ‘Ndrìa a dèggh cö nom
Quànn jéu era carusétt
E ggh’ l’höi ‘n càm’ra du ddétt

Stöi parrànn du casc’iòlu dî r’gòrdi
Ch’ pa v’rtà u mi è pròpiu ‘n candaràngh
Unna ggh s’ g’cca a roba a r’nfösa ma pöi
Còm disg u pruvèrbi cö ch’ z’rchi trövi

Dìntra ognedùngh ggh sàuva ungh d tutt
Ch’ ggh pò fé r’gurdè ‘n fàtt
D cunt’ntèzza ompùru d d’spiasgèr
P non scurdès’lu màngh a màngh ch’u témp scörr
Cödda cusétta inùtu ch’ d’ bòtta non n’hai ch’ fénn
Però ‘n dumàngh macàri...

Dd dd’brètt unna ggh scrìvisti a data
Ch’ t r’gòrda cödda vòta ch’...
Cö r’tràtt antìch d quànn non ggh’er’nu i céllulari
E avanti ô méggh

Jè d tant ‘n tant vai z’rchànn
Ntȏ mi Pòzz d San Patrìzi
‘Ncòch còsa ch’ non ggh’höi sötta màngh
E ognvòta ggh’ tröv dìntra u mönn, u mi mönn

Accuscì cap’tà l’àutr mattìngh gìra svòta e f’rrìa
Na gnunàda du casciarìzz scarìu na cartulìna
E sötta i salùi ggh’era scri’vùit
“Ti mando una carezza”

Er’nu paròddi tröpp s’nt’méntàu
O macàri sègn ch’ jè na’ v’gghiàia
Höi d’v’ntàit ciù romànt’cha
Còm sìa sìa appi d’ bòtt u sfìu
D’ non bannunè  
Dda carézza ntâ gnunàda

E fòrs fu p’ cöss ch’ tutt’a’na vòta
S’ fès’nu ddàrgh na mi mént pròpri a r’nghèra
Cèrti rìmi ch’ i mèi carusétti
D quànn jè fasgèa a maìstra d l’elementàri
Aveànu scr’vùit p fè na puisìa ca paròdda “carèzza”

Scutè però còm i stëssi rìmi
Scr’vùit ca nòstra bedda parràda ciaccësa
Cang’nu songh, ànu n’àutra mùs’ca

A rugiàda sövra l’èrba o mattìngh
I nìvuli ch’ passìanu ntô cèlu ‘n poch s’ddiàt’
A ddùna ch’ sp’cchialìa na nuttàda s’rèna
Dda ràia d sö ch’ scàrfa na giurnàda fr’ddùlusa
A név ch’cum’gghia i tètti di càsi
L’ègua ch’s’ r’pòsa ntô lèttu du sciùm
A màngh d na màtri ch’ sciùa i ddàrmi o so f’ghiètt
Döi màngh ch’ s’ strënz’nu p’ pac’f’chè

Tutt cöst è carézza e ‘mpùr d ciù.

Rosalba Termini, Maggio 2016

Traduzione “Quella carezza in un angolo”
Tutti o quasi tutti ce l’abbiamo
Il mio si chiama Pozzo di S. Patrizio
Fu mio figlio Andrea a dargli questo nome
Quando lui era ragazzo
E ce l’ho in camera da letto

Sto parlando del cassetto dei ricordi
Che per la verità il mio è proprio un comò
Dove vi si getta la roba alla rinfusa ma poi
Come dice il proverbio quello che cerchi trovi

Dentro ognuno ci conserva uno di tutto
Che gli può fare ricordare un fatto
Di contentezza oppure di dispiacere
Per non scordarselo mano a mano che il tempo scorre
Quella cosetta inutile di cui in quel momento non hai che farne
Però un domani magari…

Quel libretto dove hai scritto la data
Che ti ricorda quella volta che…
Quella foto antica di quando non c’erano i cellulari
E così via

Io di tanto in tanto vado cercando
Nel mio Pozzo di S. Patrizio
Qualcosa che non ho sottomano
E ogni volta ci trovo dentro il mondo, il mio mondo

Così capitò l’altro mattino gira volta e rigira
In un angolo del cassettone scorsi una cartolina
E sotto i saluti c’era scritto
“Ti mando una carezza”

Erano parole troppo sentimentali
O magari segno che io nella vecchiaia
Sono diventata più romantica
Comunque sia ebbi subito il desiderio
Di non abbandonare
Quella carezza in un angolo

E forse per questo che tutt’a un tratto
Si fecero largo nella mia mente proprio una dietro l’altra
Certe rime che i miei alunni
Di quando facevo la maestra elementare
Avevano scritto per comporre una poesia con la parola “carezza”

Ascoltate però come le stesse rime
Scritte nella nostra bella parlata piazzese
Cambiano suono, hanno un’altra musica

La rugiada sull’erba al mattino
Le nuvole che passeggiano nel cielo un po’ imbronciato
La luna che risplende nella notte serena
Quel raggio di sole che riscalda una giornata freddosa
La neve che ricopre i tetti delle case
L’acqua che si riposa nel letto del fiume
La mano di una madre che asciuga le lacrime al suo figlioletto
Due mani che si stringono per rappacificare

Tutto questo è carezza e anche di più
cronarmerina.it
 

 

Commenti  

0 #4 Didi 2016-06-14 07:28
Il mio "pozzo di San Patrizio" è rappresentato da uno scaffale dove sono contenuti i miei diari scritti nei vari anni. Ogni tanto ne apro uno e con sorpresa scopro perché è successa quella cosa (piacevole o triste) o perché alla fine tutto è andato alla deriva o, per meglio dire: "e accussì fniu u burdelu". (badate bene: questo è un dialetto piazzese inventato al momento). L'altro pozzo è rappresentato dalle centinaia di foto scattate nei decenni scorsi, perfettamente catalogate, dove sono rappresentati i miei viaggi, gli incontri con amici, ecc. Più che un "Pozzo" si tratta di una vera e propria "Miniera a cielo aperto".
Citazione
0 #3 signoradelnord 2016-06-11 13:50
Gran bel tema quello dei ricordi nel cassettoSe poi richiamano carezze ed altre amorevolezze che addolociscono il cuore e le sue pene ,ancora meglio
Citazione
0 #2 Rosa 2016-06-11 05:41
Ho letto la tua poesia e un po' mi ha commosso perché è successo anche a me di mettere a posto alcuni documenti e per caso ritrovare la scatola dei miei ricordi del passato! Cose dimenticate e cose indimenticabili... come i progetti per la vita futura! Brava Rosalba, ancora una volta... E quella poesia degli alunni riscritta in dialetto gallo italico... davvero commovente!
Rosa Terranova
Citazione
0 #1 Giusi 2016-06-11 05:36
I "Pozzi di S. Patrizio" sono, per tutti, luoghi del cuore dove si torna ogni volta che la nostalgia di ciò che manca ci afferra e ci spreme il cuore! Il tuo pozzo, Rosalba, so che è profondo e so di esserci anch'io, carezza tua e mia giovinezza. Complimenti poetessa in ascesa!
Tua Giusi
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo