Carnevale di Francesco In evidenza

Carnevale all'Istituto Tecnico Industriale anni 50*

U carr'vèr
'N témp u carr'vèr,
era ddöngh a r'vèr,
ma na vòta trasù
nan f'nèva mai ciù.

Ggh'era sèmp 'n v'sgìngh
ch' t'nèva f'stìngh;
e cr'stiài d'ogn età
v'stùi d' mascarà

s f'rriàv'nu ogn vìa
s'm'nànn l'grìa.
Agnadöngh era attènt
au so trav'stmènt.

Accuscì u sbandà
s mustràva surdà;
ggh'era u r'munnaör
trav'stù d d'ttör;

v'dèvi u carr'ttèr
ntê pànni d f'rrovièr.
Pöi na ciàzza ad a sèra
era com ad a féra:

tutti dda a ved ballè
e a meggh dàma pr'miè,
cu i curiànduli a sciùm
carr'vèr annè n'fum.

Öra, giùst'avàntaièr,
v'gìlia d carr'vèr,
u nòstr buttièr
non truvà a mugghièr.

Dop giörni ch' p'nèa
ha ngiödùt a butèa,
e o post d ngiöd u bécch,
ha ragghiàt com 'n scècch.

Pöi chi ha vulùt fér!?
Ha cangiàt m'stér:
n' l'urchèstra s sètta
e sòna a so curnètta...
Francesco Manteo, 1979

Traduzione a cura dell'autore
Il Carnevale
Un tempo, per il carnevale,
c'era un'attesa speciale,
e una volta arrivato,
durava all'infinito.

C'era sempre un vicino,
che teneva festino
e giovani e invecchiati
andavan mascherati

in paese di via in via,
seminando allegria.
Ognuno stava attento
al suo travestimento.

Cosicché lo sbandato
si mostrava soldato;
c'era pure il potatore
vestito da dottore;

trovavi il carrettiere
nei panni di ferroviere.
Poi in piazza alla sera
sembrava essere in fiera:

tutti là a veder ballare
e poi una dama premiare,
coi coriandoli a non smettere
carnevale andava in cenere.

Ora, in un giorno feriale,
nel pieno del carnevale,
un venditore di porte,
ha perduto la consorte.

Dopo giorni di supplizio,
ha chiuso l'esercizio
e senza chiudere il becco,
ha ragliato come un ciuco.

Poi che ha voluto fare!?
Ha cambiato mestiere:
nell'orchestra si diletta
a suonar la sua cornetta...

* La foto è stata tratta dal profilo facebook di Pino Farina.

cronarmerina.it




Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo