Sicula siculorum

Ebbene sì, caro Tanino carissimo. Se la maggiore civiltà ha necessità di un livello economico elevato e se la miseria ha come conseguenza l’imbarbarimento, la colpa è allora di garibaldi e dei savoia e di cavour. «I meridionali non dovranno mai essere più in grado di intraprendere» disse il Governatore della Banca d’Italia Carlo Bombrini, mentre smantellavano le eccellenze del sud e portavano il malloppo al nord. E come avremmo potuto crescere, senza fondi e senza infrastrutture? E come avremmo potuto crescere, se anche i nostri politici si vendettero, e continuano a vendersi, ai vincitori? Adesso si sta prendendo coscienza di ciò che avvenne grazie alla marea di ricerche e notizie e testimonianze. Anche se è altrettanto chiaro, epperò, che con la nostra splendida autonomia, ben altro avremmo potuto, noi siciliani.
Una autonomia mai attuata, un altro delitto della democrazia cristiana.

Ti invio, in memoria di una autonomia conquistata col sangue
e vilmente svenduta da una fauna politica e culturale
tiepida ed acquiescente, un acrostico (componimento poetico dove le iniziali di ciascun verso lette di seguito in senso verticale formano in questo caso il titolo) in doppio sonetto:

Sicula siculorum pi pani e libertà

Sicilia
I
Isula tripussenti maravigghi
China di assai biddizzi a centu a centu,
Unica, ca pi d’unna pigghi pigghi
Làpisi nun ci potti senza abbentu
.
Accussì ginirusa pe' so’ figghi
Senza mai dumannari asservimentu,
Iardinu di ginestri, rosi e gigghi
Ca issenzia l’aria e pròdiga a lu ventu
.
Unguentu cataplasima divinu
Lassatu nta sta terra in pianta stàbbili,
Omaggiu strabilianti e sopraffinu
.
Ratapuntatu e racamatu a manu
Unna scontri putenzi formidàbbili,
Mara però si scontri un sicilianu.

II
Pirchì sti tripussenti maravigghi
Iunciuti a ssi biddizzi a centu a centu
Pi dirittu do sangu de’ so’ figghi
Ancora sunnu sutta tradimentu
.
Nun già di l’oppressura, ca si pigghi
Iunti di storia, è sempri asservimentu
Eternu, ma a tradiri rosi e gigghi
L’ùnici tradituri a stu mumentu,
.
Interamenti, semu i siculioti,
Breccia d’antichi vespri e lotti armati
E di gloria e di sangu, a dari voti
.
Rialati a genti ch’ha scurdatu già
Tutti ddi figghi so’ morti scannati
Assicutannu pani e libertà.
 
UN SICILIANO
(Giòmetrico alias Giovanni Piazza)



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo