Cavalieri di S. Tommaso

Caduta di Acri nel 1291 in una Miniatura del XIV sec.
Durante l'assedio di Acri nel corso della 3^ Crociata (1189-1191), William, decano della chiesa di S. Paolo in Inghilterra, cominciò a prendersi cura dei malati e dei feriti. Dopo la conquista della città, William costruì una piccola cappella e con l'assenso di re Riccardo I Cuor di Leone fondò un ospedale per la cura degli ammalati Inglesi e nel contempo diede vita con altri confratelli al nuovo ordine, che seguiva la Regola Cistercense, noto come i Cavalieri di San Tommaso. Il nome venne dato in ricordo di Thomas Bechet arcivescovo di Canterbury, assassinato nella Cattedrale di questa città dai sicari di re Enrico II nel 1170. I Cavalieri che vestivano di bianco e che per insegna avevano una croce rossa cariacata in centro dall'immagine di S. Tommaso per alcuni e da una conchiglia bivalve per altri, presto acquisirono terre a Cipro, a Napoli, in Sicilia e in Grecia e un Quartiere Generale fu stabilito a Londra. L'Ordine fu sempre piccolo, poiché la maggior parte degli Inglesi preferiva arruolarsi negli Ospedalieri e il suo ruolo rimase prevalentemente quello dell'assistenza ai malati. Tuttavia il Gran Maestro e nove altri Cavalieri combatterono nel 1291 durante l'ultima difesa di Acri e vi morirono tutti. Una parte dei Cavalieri rimasti si trasferì a Cipro, ma discordie tra i due rami dell'Ordine, quello Cipriota e quello Londinese, portarono i Cavalieri a un declino rapido e irreversibile. Alla metà del XIV secolo il loro potere economico e militare era del tutto svanito. Nel 1583 re Enrico VIII decretò il definitivo scioglimento dell'Ordine.
cronarmerina.it 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo