Cronarmerina - Ecclesiastici

La bidella

La recente poesia di Francesco sulla maestra del doposcuola, ha richiamato alla mia mente un’altra figura, quella della bidella (così si chiamavano un tempo le odierne operatrici scolastiche). Era l’anno 1999 e una bidella della elementare Roncalli (la scuola del torinese dove insegnavo) andava in pensione. Per rendere omaggio alla sua e mia sicilianità, scrissi dei versi “a ciaccèsa”. Quei versi, “mediamente corretti” e riscritti in gallo italico, ora eccoli qua.

A B'DÈLLA
Graziella, u to m’stér d b’della
t’ ha fàit anör
e jè cu tutt u cör
appruv’ u to valör.

Dìntra a cö fadàu
ch’era blù scur
ggh stàvi bèngh
jé tu giur!

Tu pul’ziàvi a dèstra e a manca
du to travàggh nan éri mai stàncha
e a purtè c’rculàri, eri percìsa e velòc
nan avìvi uguài.

Quànn dìntra a clàss
ggh’avìvi stàit tu,
u perfùm da pul’zìa r’stàva n l’àriu.
Damàgg nan putér’lu sciaurè ciù!

A madgiörn, ch’era l’otta d mangè
e n’ tucchàva cangè scòla,
cu ddi carusgétti ‘n fìla ‘ndiana
era ‘n problèma a stràta trav’rsè!

Ma a to màngh
n’aut tésa
f’rmàva u traff’ch
e u ddasciàva dda, n’attésa.

Nan parröma pöi
cu quàu pr’mùra
d ‘n carusgétt ch’avèa màu d panza
t p’gghiàvi cùra!

A nuddu mai cuntàsti a v’rtà
fait sta ch’dòp u to m’schìggh
u carusgètt turnàva n’clàss
cuntènt e r’crià.

Èri a prima a ‘ntràs a scòla
 l’urt’ma ad annéss’n
e mai, o quàs mai, t n’ stasgisti n’càsa
p’ fér‘t  l’afféri to’.

Cu chisti pochi rìmi
 scri’vuìti cu vèru s’nt’mént
höi fèstgg’àit
u to pensiönament.

Accett’li Graziella
accuscì, unna sia ch’ t lùcc’nu i pè,
d mia e da Roncalli
mai scurdè’t hai a putè.

Rosalba Termini
Marzo 2017

Traduzione

LA BIDELLA
Graziella, il tuo lavoro di bidella
ti ha fatto onore
ed io con tutto il cuore
approvo il tuo valore.

Dentro a quel grembiule
ch’era blu scuro
ci stavi bene
te lo giuro!

Tu pulivi e destra e a manca
del tuo lavoro non eri mai stanca
e a portare circolari eri precisa e veloce
non avevi pari.

Quando nella classe
c’eri stata tu,
il profumo della pulizia restava nell’aria.
Peccato non poterlo odorare più!


A mezzogiorno, ch’era l’ora del pranzo
e ci toccava cambiar scuola,
con quei ragazzini in fila indiana
era un problema attraversare la strada!

Ma la tua mano
in alto tesa
fermava il traffico
e lo lasciava là, in attesa.

Non parliamo poi
con quale premura
di un ragazzino che aveva mal di pancia
ti prendevi cura!

A nessuno mai hai raccontato la verità
fatto sta che dopo la tua tisana,
il ragazzino tornava in classe
contento e soddisfatto.

Eri la prima ad entrare a scuola,
l’ultima ad andarsene
e mai, quasi mai, te ne sei stata a casa
per farti gli affari tuoi!

Con queste poche rime
scritte con sentimento
ho festeggiato
il tuo pensionamento.

Accettali Graziella,
così ovunque te ne andrai,
di me e della Roncalli
mai scordarti potrai.                       
cronarmerina.it
                                                   


 

Leggi tutto...

Edicola n. 50

L'Edicola Votiva n. 50 è la 3^ a destra salendo la via che porta al Santuario della Madonna di Piazza Vecchia. Si trova alla destra del cancello d'ingresso della campagna di Calogero Rosagrata e Salvina Gagliano, ex proprietà Cuncèttu Conti. Sopra il piccolo arco in zoccoletti ci sono disegnate semplicemente le lettere "WMS"(Viva Maria Santissima). Dentro la nicchia chiusa da uno sportello in alluminio con vetro, ci sono dei piccoli vasi con dei fiori in plastica e dietro due stampe, la grande rappresentante la Madonna delle Vittorie, la piccola la Madonna delle Grazie.

cronarmerina.it

Leggi tutto...

Le vie di Piazza/M

Dal 20 ottobre 2016 ho iniziato ad elencare tutte le strade di Piazza Armerina, con scritto accanto da dove iniziano sin dove arrivano, per meglio localizzarle. Lo scopo principale è quello di far conoscere ai Piazzesi e non il nome sia delle strade conosciute, sia delle tante sconosciute ai più e con nomi particolari. Ogni post elencherà le vie in ordine alfabetico e, per quanto è possibile, è stato messo a chi è stata intitolata. Si accettano segnalazioni di eventuali vie sfuggite nella compilazione.
M
Via MACHIAVELLI, (Niccolò, filosofo) da viale Libertà a via Manzoni
Via MADONNA ADDOLORATA, da via Castellina a via A. Crea
C.le MADONNA MENDOLA, nel viale della Libertà
Via MADONNA ROCCA, da p.zza Gen. Cascino a via Muzzicato
Via MAGGIORE, da via S. Lucia a c.le Brighina
Via MAIORANA, (o Majorana, Baldassare, senatore urbano 1812) da via Monte a via Roccazzella
C.le MALTISOTTO, (Pasquale, canonico benefattore) nella via Gesù Maria
Via MANCUSO, (Salvatore, caduto 1^ G.M., o Filippo, caduto 2^ G.M.) da via S. Principato a via G. Verga
Via MANDORLA, da via G. Matteotti a via G. Verga
Via MANDRASCATE, (feudo e baronia) da p.zza Castello a via A. Crescimanno
Via MANTEO, (o Mantheo, Santo, notaio) da via Castellina a scalazza Santa Veneranda
Via MANUELLA, (famiglia) da via Foontanelle a via S. Principato
Via MANZONI ALESSANDRO, (scrittore) da viale Della Libertà a c.da Scarante
Via MARCHESE NINO, da via C. Calamaro a via Papa Roncalli
Via MARCONI GUGLIELMO, (fisico inventore) da piazza Garibaldi a via Garibaldi
P.zza MARESCALCHI, (Luigi, senatore 1857-1936) da v.le Gen.le Ciancio a v.le Conte Ruggero
Vico MARINO, (famiglia) da via Mazzini a via A. Crea
Discesa MARTELLO, (famiglia) da via Cascino ad arco Ficarra
P.zza MARTIRI D'UNGHERIA, (vittime Rivoluzione 1956) da via Umberto a via S. Stefano
Via MARTOGLIO NINO, (scrittore) da largo Conceria a c.da Fontanelle
Via MATTARELLA SANTI, (politico) da via Manzoni a c.da Doniamare
Via MATTEOTTI GIACOMO, (politico) da vico Firenze a p.zza Reg. Siciliana
Via MAURICI, (famiglia) da via S. Rosalia a vico Cattedrale
Via MAZZINI, (Giuseppe, politico) da via G. Marconi a via S. La Malfa
Via MELI GIOVANNI, (poeta) da via T. Tasso a c.da Sant'Andrea
Vico MELLIA GAETANO (Sergente, caduto 1^ G.M.) nella via Bologna
Via MENDOZZA, (famiglia Mendoza) da l.go Capodarso a via Trigona
Via MESCHI, (famiglia) da via La Pergola a via Celso
Vico MESSINA, (Salvatore caduto 1^ G.M.) da via Santa Veneranda a via Iaci
Via MILAZZO, (Francesco e Salvatore, caduti 1^ G.M.) da via A. Crescimanno a via Monte
Via DEI MILLE, (garibaldini) da via Gen.le Muscarà a via Chiarandà
C.le MINNELLA, (famiglia) nella via S. Rosalia
Via MIRAGLIA, (Gregorio, caduto 1^ G.M.) da via M.nna Addolorata a via Scalazza Salvatore
Via MISERICORDIA, (chiesa trasf. in abitazione) da via Vescovado a piano Crocifisso
C.le MONASTERI, (Calogero e Salvatore, caduti 1^ G.M.) nella via D'Alù
Via MONTALTO, (famiglia) da via Monte a via Misericordia
Via MONTALTO GIROLAMO, (medico e filosofo) da via Silvia a via A. Verso
Via DON MILANI, (Lorenzo, educatore) dal 2011 ex via Padova da via G.le Ciancio a via Toselli
Via MONTE, da p.zza Duomo a via Catena
Via MONTE PRESTAMI, (ente benefico) da via Vitt. Emanuele a p.zza S. Rosalia
Via MONZA, (città) da via F. Cagno a via G. Abate
Via MORO ALDO, (politico) da via A. Manzoni a via Otto Marzo
Atrio MUNICIPIO, da p.zza Garibaldi a piano A. Roccella
Via MUSCARA', (famiglia) da via A. Crescimanno a Porta Catalano
V.le GEN. MUSCARA', (Achille) da p.zza G.le Cascino a p.zza Sen. Marescalchi
Via MUZZICATO, (dr. Giuseppe, decurione 1837) da via Madonna Rocca a c.le Guccio
Vico MUZZICATO, (famiglia) da via Muzzicato a via Interna
cronarmerina.it

 

Leggi tutto...

A mènnula amàra

Qualche volta mi è capitato di sentire questa frase rivolta a un bellimbusto poco raccomandabile: "Bèddu spìcch d mènnula amàra". Eccovi una poesia su queste brutte sorprese.

A mènnula amàra
T'nèva quàttr mènnuli a gnunàda
e mi cumpanaggiàva 'nta 'nv'rnàda.
M' n' p'gghiài una, 'na bòna vòta,
e cu martèu a scacciài, a 'na bòta.

Annài p' ved, ggh'avèva 'n garìggh,
accuscì röss, ch' m' pars u méggh.
Ma còm a cum'nzài a mastiè,
m' sèpp amàra, e a vòsci spuè.

"Ah, l'àssa putùt prìma r'canòsc
sùlu ntâ scòrcia, ompùru ntô scròsc":
dìsci, sguazzàn'm a böcca cu l'ègua,
ma oramài, s'àva 'nzuppàit a ddéngua,

e nan ggh fu mòdu d fè a mènu,
ch' m' fasgèss töss'c e v'lènu.
A stìssa còsa càp'ta c'a gént:
d föra ggh'ànu u böngh, dìntra u tént.
Francesco Manteo

Traduzione
La mandorla amara
Tenevo un po' di mandorle in un cantuccio
e ne fruivo a poco a poco durante l'inverno.
Ne presi una, un bel giorno,
e col martello la schiacciai, con un sol colpo.

Vado per vedere e vi trovo un gheriglio,
così rosso, che mi sembrò il migliore.
Ma appena cominciai a masticarla,
mi seppe amara, e dovetti sputarla.

"Ah, l'avessi saputo prima riconoscere
solo dalla scorza, oppure dallo scroscio":
dissi, sciacquandomi la bocca con l'acqua,
ma ormai, si era impregnata la lingua,

e non ci fu modo di fare a meno,
che mi facesse tossico e veleno.
La stessa cosa capita con la gente,
di fuori hanno il buono, dentro il cattivo.

cronarmerina.it
 

Leggi tutto...

Edicola n. 49

L'Edicola Votiva n. 49 è la 2^ a destra salendo la strada che porta all'Eremo di Piazza Vecchia. La nicchia sul muro che fa da pilastro del cancello, racchiude un quadro con i visi della Madonna e del Bambino che ricordano quelli del dipinto della Madonna di Piazza Vecchia e dei vasetti con dei fiori. Il tutto è protetto da uno sportello di vetro col telaio in ferro. Accanto a sinistra una targa indica i nomi dei proprietari, F. Ristagno e M. G. Cinnirella (ex Fofò Candela) che hanno realizzato la più che decorosa Edicola. Non rimane che congratularsi per come è tenuta e conservata.

cronarmerina.it 

Leggi tutto...

Fontana c.da Ciappa di Carini/n. 53

Della Fontana/Abbeveratoio n. 53 ho questa foto un po' datata. So soltanto che si trova in cotrada Ciappa di Carini sotto Monte Navone, lungo la strada per Barrafranca. Non so se esiste ancora, in tal caso mi farebbe piacere farle una foto per confrontarla.

cronarmerina.it 

  • Pubblicato in Fontane
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo