Muro dell'antico castello di Placia In evidenza

Nel cerchietto giallo i resti del muro Sud dell'antico castello di Placia coperto da una struttura in plastica

Parte dell'alto muro Sud dell'antico castello di Placia

Ieri ho potuto visitare parte del nuovo Vescovado che da poco tempo si è trasferito dalla via La Bella nell'ex sede dell'Ospedale Cittadino "Chiello", al Monte. Leggendo su un pannello esplicativo i lavori di restauro effettuati, ho appreso che erano state rinvenute parte delle mura rivolte a meridione del castello che sorgeva proprio in quel sito, dieci secoli or sono, a guardia della sottostante Valle Rocca dall'alto dell'odierna Costa S. Francesco. Allora, non ho perso l'occasione per scattare la foto in basso, dato che è stato lasciato ben in vista sotto una copertura/lucernaio in plastica, proprio nella zona dove c'era prima l'ascensore e la scala che portavano al reparto chirurgia e alla sala operatoria, che in tanti ben ricordiamo. Infatti, nell'opera Il libro del re Ruggero scritta in arabo intorno al 1150, il geografo Edrisi ci fa sapere che in questa parte della Sicilia esiste "un ben munito fortilizio" che si chiama 'Iblâtasah¹ che sarebbe il nome arabo di quello in latino Placia, che troviamo in un diploma del 1122 del conte Enrico Aleramico, dove è riportato un testimone tal Gausonis de Placia "castellano". Quindi, in quegli anni doveva esserci sia un un borgo che ospitava un centinaio di cavalieri Lombardi e un migliaio di abitanti chiamato 'Iblâtasah dalla popolazione araba, Placia dai Lombardi e Platza dalla popolazione greca, che aveva il compito, dall'odierna zona della Villa Romana del casale, di controllare le popolazioni dei casali vicini da poco sottomessi; sia un castello a ca. 2 Km. verso Nord-Est dal suddetto borgo che aveva preso lo stesso nome, ovvero Castello di 'Iblâtasah o, in latino, di Placia. Fu questo castello che nel 1161 fu distrutto dal re Guglielmo I, nipote del Gran Conte Ruggero d'Altavilla, per rappresaglia assieme al borgo omonimo abitato da gente Lombarda, colpevole di aver eseguito gli ordini razziali di Ruggero Sclavo facendo strage degli abitanti arabi. Dopo due anni, nel 1163, lo stesso Re diede ordine di ricostruire il borgo distrutto non nello stesso posto, bensì nei pressi del castello che aveva subito la stessa sorte, probabilmente in parte. Infatti, le prime abitazioni del nuovo centro nacquero a Ovest dell'antico castello (quartiere Monte) e alle sue pendici (quartiere Castellina) e da alcuni documenti antichi si sa che veniva chiamato Castrum Reginae (Castello della Regina)² con una Regia Cappellania³ dedicata a Santa Lucia. A quest'ultima, dai Carmelitani arrivati nel 1238, viene cambiato il nome in S. Calogero, fondando nel contempo il terzo convento in Sicilia, per rimanerci quasi un secolo, perché nel 1327 si trasferiranno nel Convento Carmelitano sul Colle dell'Altacura, nei locali di una Commenda lasciata libera dai Cavalieri Crociati Teutonici (da non confodere con quella degli Ospedalieri di S. Giovanni Battista poi dei Cavalieri di Malta). Ottanta anni dopo, nel 1392, il re aragonese Martino I il Giovane costruisce il Castello Aragonese sul Colle degli Aranci (l'odierno piano Castello) abbattendo il preesistente Convento Francescano. Quest'ultimo è ricostruito al posto del Castrum Reginae e per i loro servizi divini i PP. Francescani si servono dell'ex chiesetta di S. Lucia chiamata dai Carmelitani di S. Calogero, ma che loro cambiano ancora in chiesetta di Santa Maria degli Angeli. È qui che l'ospedale, fondato nei pressi della propria abitazione di via Monte dalla nobile Giacoma Villardita nel 1420, spostato dalla figlia Graziana nei pressi della chiesa di S. Giuseppe nel 1444, viene trasferito un secolo e mezzo dopo, nel 1603. Qui l'ospedale prende il III nome della sua storia, Ospedale di S. Calogero e di Santa Maria degli Angeli. Per sapere altro cliccare ospedale

¹ È la versione dello storico L. Villari, mentre per il Nigrelli è 'Iblâtsah senza la "a" tra la "t" e la "s".

² Sconosco il motivo di questa denominazione.

³ In un testo anche Regia Cappellana.

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo