La poetessa Severina La Vaccara/2

Severina La Vaccara Trigona (1884-1971)
2
Dietro segnalazione della prof.ssa Lucia Todaro, ho potuto recuperare una foto della poetessa piazzese Severina La Vaccara Trigona sposata Prestifilippo. Si trovava nel mese di Aprile del Calendàri â ciaccësa pubblicato nel 2012. Già alcuni anni fa, la prof.ssa Todaro, tra le numerose ricerche, ne aveva effettuato una abbastanza approfondita sulla poetessa sconosciuta ai più, e 'ndo calendàri a ciaccësa la ricorda a proposito della prima festa della musica svoltasi a Piazza Armerina e dedicata a Santa Cecilia, patrona della musica. La festa si svolse nel 1904 ntô ddargh Dovìgliu (piano Duilio), quando ancora non c'era il monumento al Milite Ignoto che verrà inaugurato alcuni anni dopo, nel 1925, in onore dei caduti nella I Guerra Mondiale. Di seguito vi riporto il programma di allora scr'vut â ciaccësa
"U prugràmma d' tann"
Vespri e méssa détta dû canòn'ch Mariu La Cara; banna pî stràti, d' mattìna; pòi a pruc'ssiöngh cu a stàtula d' Santa Cecilia, patröna dâ mùs'ca; â sëra: ntô ddargh Dovìgliu, lum'nà cu i c'talèni, l'orchestra dû maìstr Edgardo Catalano, sòna pezzi d'òp'ra e inni scr'vùi d' Severina La Vaccara e dû d'ttör A. La Cara. Bummiàda a la fingh. Severina La Vaccara è a figghia d' B'n'dëtt La Vaccara e d'El'na Tr'gòna; num'nàda pî puisì e l'art dâ mùs'ca, nan sö a Ciazza, ma ntô ddibr d' l'artìsti dâ S'cìlia dû 1911.
(tratto da L. Todaro, Calendàri â ciaccësa, Avrìu 2012)
Traduzione: Il programma di allora. Vespri e messa officiata dal canonico Mario La Cara; banda musicale per le strade, di mattina; poi la processione con la statua di Santa Cecilia, patrona della musica; la sera: nel piano Duilio, illuminato con le lampade ad acetilene, l'orchestra del maestro Edgardo Catalano, suona pezzi d'opera e inni composti da Severina La Vaccara e dal dottore A. La Cara. Fuochi d'artificio alla fine. Severina La vaccara è la figlia di Benedetto La vaccara e di Elena Trigona; conosciuta per le poesie e l'arte della musica, non solo a Piazza, ma nel libro degli artisti della Sicilia del 1911.
Gaetano Masuzzo/cronarmerina.it   

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo