Stemma dell'Accademia Studii di Piazza In evidenza

Stemma del Regno Delle Due Scilie, Sala Mostra del Libro Antico, Biblioteca Comunale, Piazza Armerina

Nella Sala della Biblioteca Comunale¹ che ospita la mostra del Libro Antico, c'è uno stemma al quale, anche se di grandi dimensioni, i visitatori rivolgono soltanto un rapido sguardo, per poi continuare la loro visita. Non è completamente anonimo perché alla base c'è la grande scritta REALE ACCADEMIA DEGLI STUDII DI PIAZZA, ma non basta per far capire a cosa effettivamente si riferisca e quale importanza abbia avuto in passato soprattutto per i piazzesi. L'altro giorno, nell'ennesima visita ho fatto alcune foto, tra queste quella in alto, e subito è scattata la ricerca. È lo stemma del Regno Delle Due Sicilie scaturito dal Congresso di Vienna tra il 1814 e il 1815 e in particolar modo dal Trattato di Casalanza, a pochi passi da Capua (CE), nel 20 maggio 1815. Con quest'ultimo trattato l'imperatore d'Austria Francesco I d'Asburgo-Lorena (1768-1835) riconsegnò, dopo il decennio napoleonico, all'alleato Ferdinando I di Borbone IV di Napoli III di Sicilia² i Regni di Napoli e di Sicilia che, dal dicembre 1816, si riunirono col nome di Regno Delle Due Sicilie e per questo Ferdinando prese il nome di Ferdinando I re delle Due Sicilie. In quel periodo a Piazza dal 1780 esisteva la Real Accademia Degli Studii, erede dell'Università degli Studi di Piazza Chiarandà intitolata al piazzese don Antonino CHIARANDÀ e istituita nel 1689. Per 78 anni l'Università era stata condotta dai PP. Gesuiti sino al loro allontanamento dal Regno nel 1767. Dopo 13 anni l'Università venne riaperta col nome di Accademia ma a dirigerla non furono più i PP. Gesuiti bensì i Domenicani, che si trasferirono dal loro convento di S. Domenico (poi Seminario Vescovile) al Collegio³ che, nel frattempo, era diventato sede del Comune il quale dovette trasferirsi nel convento domenicano. L'Accademia aveva due corsi di studi, quello di filosofia o delle arti e quello di studi superiori con cattedre di teologia (5 anni), di medicina e di giurisprudenza (3 anni) che rilasciavano solo attestati di studio, mentre le lauree erano conferite dall'Università di Catania. Questa organizzazione scolastica durò sino al 1826, quando il re Francesco I soppresse nel Regno 5 Accademie tra le quali quella di Piazza, istituendo al loro posto i Regi Licei, veri e propri istituti medi superiori propedeutici agli studi univesitari. Pertanto, lo stemma nella foto, dipinto su una lastra di metallo ovale di cm 78 x 97, sicuramente fu affisso sul portone d'ingresso non prima del 1816 e fu tolto forse già nel 1826, sicuramente nel 1861, quando si ebbe il nuovo Regno d'Italia. Nello stemma che, oltre agli altri due sotto i portici, risulta essere il terzo stemma reale presente nel chiostro dei Gesuiti, vi sono rappresentati 17 tra regni e casate (per esempio: Castiglia, Aragona, Farnese, Medici etc.), e 6 ordini tra i quali c'è quello più in basso del Toson d'oro, massima onorificenza cattolica europea riservata ai monarchi. Se vi trovate dalle parti di Sant'Ignazio, fate una capatina in Biblioteca e date un'occhiata da vicino a questo stemma di 200 anni fa che, ultimamente, è stato affiancato da due pannelli descrittivi in quattro lingue.

¹ Ex Sala del Coro dei PP. Gesuiti poi Oratorio della Confraternita Dei Nobili che, nell'ottobre del 2016, è stata intitolata allo scomparso il 27 luglio 2016 Filippo Acquachiara, Vicepresidente del Consiglio di Biblioteca. Durante la 2^ Guerra Mondiale la sala fu adibita a ospedale (P. Satariano, Storia della Biblioteca Comunale..., Tesi Univ., 2004/05).

² È lo stesso Re che col nome di Ferdinando III di Sicilia soggiornò per qualche giorno a Palazzo Trigona della Floresta nel maggio del 1808, come ci ricorda la grande iscrizione sul portone d'ingresso.

³ Ecco perché nella parte alta del Collegio, quasi limitrofa al Castello Aragonese, esiste la stradina chiamata salita S. Domenico.

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo