Ospedale 4^ Sede/Nome definitivo

Nel 1860 per le leggi eversive i frati Fatebenefratelli vanno via da Piazza e il convento di S. Francesco è acquisito dal notaio Remigio Roccella, rettore dell'altro ospedale esistente, l'Ospedale Chiello. Pertanto i due ospedali, il Chiello e il S. Giovanni di Dio, si riuniscono in uno solo sotto il nome definitivo di "Ospedale Michele Chiello". L'acquisizione del convento francescano e il risanamento del bilancio amministrativo del nuovo ospedale è dovuto alla donazione del chierico Michele Chiello e a quelle di Trigona Vespasiano di Gerace, Carmela d'Aquino-Trigona di Gerace (moglie del primo), La Vaccara Adelaide fu Calogero, canonico Maltisotto Pasquale, avvocato Di Pietra Gaetano, professor Paternicò Domenico, Platamone-Trigona-Crescimanno Marianna, Carrù Marianna, Vincifori Ignazio e Franzone Giuseppina (una lapide in marmo nella sede al Monte e cartacea nella sede alla Bellia ne ricorda i nomi). Il nuovo Ospedale in alcuni documenti successivi all'unificazione, appare anche col nome di "Ospedale Chiello e Vespasiano Trigona", in quanto il barone alla sua morte, avvenuta nel 1853, gli ha lasciato il feudo Ciappa, il palazzo baronale di Piazza Castello e altri beni minori, riservandone l'usufrutto alla moglie al quale lei rinuncerà definitivamente nel 1865.
cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo