Edicola n. 43 In evidenza

L'Edicola Votiva n. 43 nella foto si trova a metà Discesa Itria. Ricavata forse da una ex finestra, è la tipica Edicola Votiva con una piccola e semplice grata in ferro (con due vasi e tre fiori ciascuno in lamiera) che la protegge. In primo piano c'è una statuetta dell'Immacolata Concezione (particolarmente venerata in questo sito, come abbiamo visto nell'Edicola n. 41 ) dietro di questa un quadro grande quanto l'Edicola dove è rappresentata la Madonna con in braccio Gesù Bambino, oltre ai soliti vasetti con fiori di plastica. Ero passato diverse volte dalla Discesa Itria ma non l'avevo notata scenendo a dx, se non fosse stato per la segnalazione di un amico abitante nei pressi. Così è stato per un'altra edicola poco vicina ma difficile da individuare se non si è del posto e di cui vi parlerò la prossima volta.

Nel mese di dicembre 2018, un fedele (Sig. A.) mi ha fatto notare che la Madonna con in braccio Gesù Bambino è la Madonna del Carmine. Infatti, nella parte inferiore del quadro sono rappresentate le anime sante del Purgatorio. La Madonna del Carmine è venerata anche come particolare protettrice delle anime sante del Purgatorio, infatti a livello iconografico spesso è raffigurata mentre trae dalle fiamme dell’espiazione del Purgatorio le anime purificate e anche per questo è invocata come “Madonna del Suffragio”. La Madonna, in una delle rivelazioni a santa Brigida, affermò: “Io sono la Madre di tutte le anime che si trovano in purgatorio ed intervengo continuamente con le mie preghiere per mitigare le pene che meritano per le colpe commesse durante la loro vita”. Tra le altre cose, il sig. A. mi ha fatto notare che sul quadro esistono dei buchi dove erano stati inseriti, dai devoti, degli ornamenti "preziosi" (aureola al Bambino Gesù, orecchini alla Madonna) sottratti ormai da tempo, ed è rimasta solo una collana di scarso valore annerita.  

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo