Nodo di GORDIO

Questo nella foto è un mosaico che ho visto tante volte e per altrettante volte mi sono chiesto cosa sognificasse. Per poi concludere che fosse un disegno come tanti altri che si trovano nella nostra Villa Romana del Casale. Invece, leggendo l'ultimo numero di un interessante mensile al quale sono abbonato, ho scoperto che si tratta del simbolo chiamato Nodo di Gordio. Questo simbolo è protagonista di un antico aneddoto. In Frigia (regione centrale dell'Anatolia, penisola della Turchia), era custodito un carro di battaglia appartenuto al leggendario re Gordio*. Il carro era legato a un palo con un nodo molto robusto, che era diventato il simbolo del potere dei successivi Re. Chi avesse sciolto il nodo avrebbe dominato il mondo. Nell'inverno del 333 a.C. Alessandro Magno (356 a.C.- 323 a.C.) giunse a Gordio**, estrasse la spada e lo tagliò. Il Nodo di Gordio, e il modo peculiare in cui fu "sciolto", simboleggia da allora un problema intricato che può essere risolto solo con un intervento radicale. (tratto da FocusStoria, novembre 2013) Gaetano Masuzzo/cronarmerina  
 
*Re mitologico greco.
**Città che prese il nome dal Re mitologico, abitata dall'VIII al II secolo a.C. e oggi solo un villaggio a pochi chilometri da Ankara, dove sono rimaste soltanto tracce delle antiche mura oltre a una porta monumentale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo