La me vignera

 

 

LA ME VIGNERA

 
La me vignera si chiama Ssuntidda,
cu li capiddi rizzi anedda anedda;
supra li goti cci avi du' pumidda,
biancu lu bustu e russa la gunnedda.
 
Com' a 'na currintina lidda lidda
camina, e ridi 'nni la vavaredda;
nica e pulita pari 'na pupidda,
e chiù la guardu, chiù mi pari bedda.
 
Di canti stu jardinu sempri sona
- chi scaccaniati, chi vuci argintina! -
e mì scinni a lu cori ogni canzuna.
 
La vita di città pi mia unn'è bona:
'mmenzu a li trofi, cu sta rigina,
sfidu lu tempu e l'urbazza furtuna.
 
Gerolamo Giusto
(Scagghi e risugghi - sonetti siciliani,  Ed. Siculorum Gymnasium, Officina Grafica F. Faliva, Milano 1933, p. 20)
 
(prossima poesia dello stesso autore: A li Chiazzisi luntani di Chiazza)
 
 
cronarmerina.it
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo