La pasta

 

COMU SI BUGGHI LA PASTA

 
Si la pasta la scinni crudulidda
ha' vogghia d'aspittari ch'arrimodda;
attentu quannu 'mpiatti ca ti sgridda,
e si la tasti ganghi ganghi 'ncodda.
Si poi la nesci troppu scuttulidda
frascàtula¹ diventa tantu è modda!
Còcila giusta, e, si ti piaci, 'ngridda,
e, 'mpuru schitta, vidi ca ti codda.
 
Girolamo Giusto
(Chiazza li so campagni e la cugghiuta di li nucciddi, Officina Tip. "La Stampa", Catania 1937, p. 67)
 
¹ Frascàtula = polenta di cicèrchie.
 
(prossima poesia dell'autore: La 'nsalata)
Gaetano Masuzzo/cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo