1925 Giochi di prestigio ciaccési/2

Piano Duilio, anni 30
Gioi d' prestig (II parte)
 
Guardè, guardè, carusgi,
Cost'autr quant'è beu!
A n volu d'a cusgina
Va sfonna nô capeu
 
E vòl'nu cassati,
Buttigghji cu b'cchéri
E chìcch'ri e gialati,
Stucci e calamaréri.
 
Talè dd' panza rossa
S'a fa tutta d' cörsa,
Nô mentri cörr' e vola
Gghj' va sculann' a börsa.
 
Ma cösti su prestigi,
Su veru maravégghi:
Tutt' ch' scappa e vola
E sfönna nei capégghji.
 
Sarà davveru m'racu
D'u nostr' sant' Luca,
Siddu nun vola puru
L elm' d'u nostr' Duca.
 
Carmelo Scibona
(U Cardubu, 1935)
 
Guardate, guardate, ragazzi, /Quest'altro (galletto) quant'è bello, /D'un solo volo, dalla cucina /Va a sprofondare nel cappello... /E volano cassate, /Bottiglie con bicchieri /E chicchere e gelati, /Astucci e calamai. /Guarda quel pancia-grossa / Se la fa tutta di corsa, /Nel mentre corre e vola /Gli va scolando la borsa. /Ma questi son giochi di prestigio, /Sono vere meraviglie: /Tutto che scappa e vola /E scompare nei cappelli. /Sarà davvero miracolo /Del nostro san Luca, /Se non vola pure /L'elmo del nostro Duca.

Gaetano Masuzzo/cronarmerina.it

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo