Il centralinista piazzese

L'11 gennaio u.s. in "Pronto, chi parla?" avevo accennato alla poesia che il prof. Gioacchino Fonti aveva dedicato al centralinista di via Garibaldi "L'ddùzzu Di Giorgio", eccola:

                 
L’ddùzzu
 
 Quas d’ front â scala a San Giuànn
com s’ disg ê témpi dû ziu mòn’ch
ô cant dû t’rrànu tant rann,
s’ truvàva l’offici telefòn’ch.
 
E a traff’chiè cu i spini e a manuèdda
tu ggh’ truvàvi a fè u central’nìsta
a L’ddùzzu D’ Giòrg (cu dda bedda
vösgiàzza) a temp pérs giornalista.
 
V’dènn’lu s’ttà darrera ô banch
cu a testa d’ n g’gànt d’ r’spètt
nan l’avìsci mai ditt ch’ ô to sciànch
quànn sc’nnéva nvèci era nanétt.
 
Pronto, chi parla?: Caru e böngh L’ddùzzu…
mpùru tu t’ giungësti ô S’gn’rùzzu!
 
Iacchino Fonti

______
 
LILLINO¹
 
 Quando di fronte la scala di San Giovanni²
come si dice ai tempi dello zio monaco
al cantone del terreno tanto grande,
si trovava l’ufficio telefonico.
 
E a trafficare con le spine e la manovella
tu ci trovavi a fare il centralinista
a Lillino Di Giorgio (con quella bella
vociazza) a tempo perso giornalista.
 
Vedendolo seduto dietro al banco
con la testa di un gigante di rispetto
non lo avresti mai detto che al tuo fianco
quando scendeva invece era nanetto.
 
Pronto, chi parla?: Caro e buon Lillino…
pure tu ti sei unito al Signore!
 
 
¹ Diminutivo di Lillo = Filippo;
² San Giovanni Evangelista, che collega la via Garibaldi con la via Umberto.
 
 
 
 
                

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo