Famiglia Assaro (de)

D'azzurro recante l'effige della Madonna con Bambino

Nel 1500, con l’avvento della monarchia Castigliana, la famiglia de Assaro (anche Assoro), come tante famiglie abitanti a Plaza, pagando una tassa per l’iscrizione alla Mastra Nobile delle città regie, diventa nobile. Nel 1553 il futuro suocero del barone Marco Trigona, il medico e matematico Giovanni Francesco de Assaro, fonda il “Ritiro delle Donne Pentite o Ripentite”, qualche anno più tardi, dietro l’interessamento del viceré de Vega, sarà tra i firmatari, nella Chiesa Madre, della pace con il partito avverso dei Trigona e degli Aguglia. Giovanni Francesco de Assaro muore nel 1593 e viene seppellito nella cappella di S. Pietro. Anche la figlia Laura de Assaro, che ha sposato il barone Marco Trigona, muore nel 1597, un anno prima del marito, e viene seppellita nella cappella di famiglia, soltanto nel 1906 sarà trasferita nella Chiesa Madre voluta dal marito. Nel 1609 il chierico don Andrea de Assaro¹, dei baroni della Montagna della Gebbia, raccoglie fondi assieme alle tre famiglie baronali degli Spinelli per la fondazione della "Casa" per Teatini e per l'abbellimento della loro chiesa intitolata a S. Lorenzo Martire. Nel 1628 Giuseppe d'Assaro è sacerdote e cappellano di Sant'Anna. Nel 1666 c’è da registrare il matrimonio tra la figlia di Antonino de Assaro barone di Montagna della Gebbia e dei Salti dei Mulini, Silvia, con Desiderio Antonio Platamone barone dei Poìri. 1825 Silvestro Assaro è frate Francescano (laico). Oltre allo stemma di questa famiglia nella foto (arco I cappella a sx) sempre nella chiesa di S. Pietro ce n'è uno nella III cappella a dx, poi uno nel sarcofago di Laura in Cattedrale e uno posto in alto nel cantone, tra le vie Monte e Chiello.

¹ Il suo nome si trova scolpito su una lapide nel pavimento della chiesa di San Martino (quartiere Monte).

cronarmerina.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo