Solo pane e cinema In evidenza

Quando non sapevamo cosa fossero i media, il cinema era l'unico modo per trascorrere felicemente la domenica pomeriggio sino a tarda sera, viaggiando nel tempo, nello spazio e fantasticando e... mangiando.

Era sö... pangh e cìn'ma

Pròpriu 'n cösti giörni avöma sent'ùit num'né

A paròdda ARISTON

Adaccuscì st nom m'ha r'purtàit 'ndarrèra n' l'anni

Cöst da 'ncòch tèmp zzà, m' sta succ'dènn ogn' tantìcchia.

Sarà cupànza d' l'età ch'avanza

Ma l'ARISTON ch' ggh'hòi 'n tèsta

Non ggh' 'ntràs nènt cu Sanremu da L'gùria

E mànch cu Fest'vàl.

 

Eh scì, u mi p'nsèr va o bèu cìn'ma du mi paìs... Ciàzza

Ma fòrs è mèggh ch' d'sgiöma

Cö ch' ha r'stàit du bèu cìn'ma

P'rchì oramài è r'dùsgiùit a monumènt du d'sòlu.

Bannunàit 'n cödda gnùnàda

Cu i pòrti 'ns'rràdi o mèggh pròpiu muràdi

E p' giönta p'ttùrài còm p' de'ggh n'ària d' cuntègn

Na vòta i cr'stiài a Ciàzza parrànn fra jèddi d'sgev'nu

 

'Quàu film dòn'nu stasèra all'Ariston?'

Òra a dumànna ha d'v'ntàit

'Unna ggh' l'hai tu a màch'na?

A mia ggh l'hòi posteggiàda all'Ariston.'

Eh scì... 'ncuscènza... a ciàzzètta danànzi ô cìn'ma

R'dùsgiùa a parchèggiu

E cu tant d' màch'nètta mangiagrai.

 

Jè stìssa, nan m' pòzz muccè,

Quànn sign a Ciàzza postèggiu a mi màch'na

Pròpriu all'Ariston, ma vu pozz giurè,

Nan ggh'è na vota ch' danànzi a l'òggi

Nan m' pass'nu 'n rassègna i r'gòrdi nit'di

D' quànn a l'Ariston ggh'annàva p' guardè

'Quo vadis' o càs mai

'I dieci comandamenti'.

 

M' r'vèd 'nsémula cu me màtri e me söra Marìa V'ttòria

Tutti e tréi 'mp'rp't'cchiàdi

E cu me pàtri o sciànch ch' n' cumpagnàva

P' pöi v'nì a p'gghiè'nn a film f'nùit.

Ma p'annè o cìn'ma cu a mi famìgghia

Ggh'av'na èss trèi cönd'ziöi:

Ch' me söra d' sett'anni ciù rànna d mì

Avèa f'nuìt d fès i comp'ti da scòla pu giörn dòp

 

Ch' jè p' tutta dda giurnàda

Nan avèa fàit raggià me màtri,

Era jèdda a vèra carrub'nèra 'n casa mi,

A tèrza cund'ziöngh era cödda d' purtèm

'Nf'làda ntâ bursétta d' me màtri

'Na f'ddètta d' pangh schìtt

E com'era dözz mangè'lu

S'ttà ddà sùsa ntô scur da sala.

 

Sulamènt ogn' tant lum'nada

Da lampiàda da màsch'ra

Ch' cumpagnàva o so pòst

'Ncòrch r'tardàtariu.

 

E ciù u film m' piasgèva

Ciù jè m' r'criàva a dè muzz'cöi

A me f'ddètta d' pàngh schìtt

Còm s'avèss stàit na pr'l'batèzza...

Inveci

Era sö... pangh e cìn'ma

 

Rosalba Termini, febbraio 2016

N.B. Di questa poesia è disponibile la traduzione.

Altri post sul Cinema Ariston: Cinema Ariston; Cine Ariston anni '60; E' ridotto così.

cronarmerina.it

Commenti  

0 #6 fedora 2016-02-28 15:16
Grande Rosalba! Condivido i tuoi versi ricchi di particolari..L'ultimo film che ricordo di aver visto,in compagnia di mio padre,è Metello.Quanta amarezza guardare questo edificio che sembra dire ai passanti : - Cosa aspettano... a farmi rivivere?
Citazione
+1 #5 Roberto 2016-02-26 13:44
E' stata un'ottima idea quella di dividere tutti i post in categorie e sottocategorie nel nuovo sito. Sempre più interessante e completo. Bravo ancora una volta.
Citazione
+1 #4 Rosalba 2016-02-25 14:45
Gaetano, bellissimi i tuoi approfondimenti a pié di pagina sull'Ariston nel suo "Periodo d'Oro".
Citazione
0 #3 Gaetano 2016-02-25 13:43
Citazione Eduardo:
L'ultimo ricordo che ho del cinema ARISTON e'
relativo al primo e unico raduno in cui si esibirono a cantare alcuni amici veramente
bravi. Ricordo alcune delle canzoni:
Pugni chiusi, pietà per chi ti ama, etc.
Bei tempi di spensierata gioventù!

Si chiamavano "Raduni Beat".
Citazione
0 #2 Eduardo 2016-02-25 12:09
L'ultimo ricordo che ho del cinema ARISTON e'
relativo al primo e unico raduno in cui si esibirono a cantare alcuni amici veramente
bravi. Ricordo alcune delle canzoni:
Pugni chiusi, pietà per chi ti ama, etc.
Bei tempi di spensierata gioventù!
Citazione
+1 #1 Herald 2016-02-25 08:18
Povero Cinema Ariston e povera Piazza! Il giorno più bello della settimana era il lunedì quando proiettavano due film al costo di uno. Io e mio cugino trascorrevamo tutto il pomeriggio in sala ben forniti di pane casareccio con dentro enormi fette di... melanzane alla parmigiana. Vi assicuro che nessun piatto ha mai superato in bontà quel pane mangiato al buio della sala. Inutile dire che l'indomani a scuola si era "impreparati", ma ne valeva la pena!!!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo