ExclusiveCentraleSx
ExclusiveCentraleDx

Poeti e Poesie

Inno all'albero

L'albero davanti casa al Nord Fino ad ora i miei lavori hanno avuto lo stesso comune denominatore: il Sud e nello specifico il paese i cui sono nata, cioè Piazza Armerina. Dopo la "sorte" toccata al nostro cedro secolare e nonostante il dispiacere che questa notizia mi abbia procurato, ho sentito il bisogno di scrivere quasi un "inno" dedicato ad un altro albero ben vivo e vegeto che è stato inconsapevole spettatore (e tuttora lo è) della mia vita qui al Nord, dove vivo. L’ÀRBULU DA MI’ VÌTA <<L’àrbulu a…

Un caro parente secolare

Ieri mattino verso le 7:00 è crollato il cedro del libano secolare della villetta del Generale Cascino (Giardino "Andrea Cursale") che ci ha accompagnato in tutte le fasi della nostra vita. Dalle vasche di studenti spensierati a quelle in cerca di languidi sguardi, da quelle col figlioletto ai primi passi a quelle col parente anziano sottobraccio. Anche se nell'ottobre del 2015 è stata eseguita una potatura di alleggerimento, il grande albero è caduto diligentemente, senza provocare danni né a persone né a cose. Se questo fosse accaduto in altri periodi…

E' primavera

Anche il poeta piazzese è stimolato dalla stagione più bella dell'anno, anche se non per tanti, che soffrono di allergie varie. PRIMAVERAEcco arriva primaveraa cambiare l'atmosfera.Prevale il verde coltivato,ma spicca il campo abbandonato,con miriadi di fioridai fantastici colori,che sprigionano fragranza ed infondono speranza.Ciascun albero fioritoa far festa dà l'invito.I bimbi, come le viole, sbocciano giocando al sole.Gli uccelli, si prendon curad'inneggiare alla natura.Francesco MANTEO, marzo 2017 cronarmerina.it

La bidella

La recente poesia di Francesco sulla maestra del doposcuola, ha richiamato alla mia mente un’altra figura, quella della bidella (così si chiamavano un tempo le odierne operatrici scolastiche). Era l’anno 1999 e una bidella della elementare Roncalli (la scuola del torinese dove insegnavo) andava in pensione. Per rendere omaggio alla sua e mia sicilianità, scrissi dei versi “a ciaccèsa”. Quei versi, “mediamente corretti” e riscritti in gallo italico, ora eccoli qua.A B'DÈLLAGraziella, u to m’stér d b’della t’ ha fàit anöre jè cu tutt u cör appruv’ u to valör.Dìntra…

Carnevale di Francesco

Carnevale all'Istituto Tecnico Industriale anni 50* U carr'vèr'N témp u carr'vèr,era ddöngh a r'vèr,ma na vòta trasùnan f'nèva mai ciù.Ggh'era sèmp 'n v'sgìnghch' t'nèva f'stìngh;e cr'stiài d'ogn etàv'stùi d' mascaràs f'rriàv'nu ogn vìas'm'nànn l'grìa.Agnadöngh era attèntau so trav'stmènt.Accuscì u sbandàs mustràva surdà;ggh'era u r'munnaörtrav'stù d d'ttör;v'dèvi u carr'ttèr ntê pànni d f'rrovièr.Pöi na ciàzza ad a sèraera com ad a féra:tutti dda a ved ballèe a meggh dàma pr'miè,cu i curiànduli a sciùmcarr'vèr annè n'fum.Öra, giùst'avàntaièr,v'gìlia d carr'vèr,u nòstr buttièrnon truvà a mugghièr.Dop giörni ch' p'nèaha ngiödùt a butèa,e o…

A mènnula amàra

Qualche volta mi è capitato di sentire questa frase rivolta a un bellimbusto poco raccomandabile: "Bèddu spìcch d mènnula amàra". Eccovi una poesia su queste brutte sorprese. A mènnula amàraT'nèva quàttr mènnuli a gnunàdae mi cumpanaggiàva 'nta 'nv'rnàda.M' n' p'gghiài una, 'na bòna vòta,e cu martèu a scacciài, a 'na bòta. Annài p' ved, ggh'avèva 'n garìggh,accuscì röss, ch' m' pars u méggh.Ma còm a cum'nzài a mastiè,m' sèpp amàra, e a vòsci spuè."Ah, l'àssa putùt prìma r'canòscsùlu ntâ scòrcia, ompùru ntô scròsc":dìsci, sguazzàn'm a böcca cu l'ègua,ma oramài, s'àva…

La maestra del doposcuola

Chi non ha avuto una maestra che è rimasta indimenticabile? Questa poesia di Francesco Manteo è dedicata a tutte le maestre elementari e, personalmente, a una in particolare in procinto di andare in pensione tra qualche mese, mia moglie Maria. La maestra del doposcuola Di tanto in tanto la mia mente voladalla mia maestra del doposcuola;quando era delegata a prepararegli alunni della quinta elementare.Quand'io studiavo frettolosamente,perché il gioco aveva preso la mente.A quei tempi, sotto qualunque tetto,si conversava soltanto in dialetto.L'italiano era per noi, lingua nuovae comporre, metteva a dura…

Ineluttabilmente

In questi giorni passati, cavalcando l’onda del dispiacere per un lutto in famiglia, ho sentito forte il bisogno di scrivere sulla VITA e sulla MORTE. Non me ne so spiegare il motivo ma ora, a lavoro finito, mi sento improvvisamente più TRANQUILLA!I DÖI S’GNÙRI(A vìta e a mort) ‘Nta s’r’tìna d’sg’mbrinasenza st’ddi e senza ddùnan’ ’n pàis senza nomcap’tià ‘na còsa stràna.Ranncchiàda sötta ‘n pontic’a v’stìna ddöngha e nèrai cavégghi ‘nturciunìatie l’oggi duluràti‘na v’gghièttà s’n’ stavaparèva ch’sp’ttàva!‘Nto s’lènziu da nuttàdach’r’vava a cavaddìnas’ s’ntea d’dduntàngh‘na vösgidda fìna fìna:<<Ma chi fai s’tàita…

Natale per Maritena

A nuvèna nâ ciàzza davànti a crèsgia d Fun'rò Non è assolutamente facile esprimere i propri sentimenti nella nostra lingua gallo-italica. Qualcuno ci prova, confermando che i ricordi d'infanzia attraverso la parlata dei nostri avi sono indimenticabili, specie quelli vissuti in pace, allegria, armonia e semplicità. NATÀLINatàli, chi fèsta d pasg marav'gghiösanàsc u Bam'néddu e b'n'dìsg ogn còsa.Però, a èss s'nzèri, nudd p'nza ciù a prièma sö a mangè, giuè e 'nt'cunniè.S f'rriöma i quartéri 'ncumpagnìa s sent 'ndl'aria e pa vìa vìa n'odör d còsi frìtti, còsi ddécchi:cardöi, baccalà,…

Nella pineta piazzese

E' una delle poche ma importanti ricchezze delle nostre zone. Ogni anno viene deturpata da incendi di varia natura, ma è uno spettacolo della natura che in tanti ci invidiano. Moltissimi sono i Piazzesi che ogni giorno col vento e con la pioggia, col sole o con la neve, sfruttano i boschi per tenersi in forma come se fosse una droga, una droga salutare. A loro sono dedicati questi simpatici versi. NTÀ P'NÈTAChi sciör ch' fa sta p'nèta!U r'spìri a böcca avèrta.Zzà s' 'ncònt'nu l'amànti,zzà s'allèn'nu l'atlèti.Sötta u vérd d…
Sottoscrivi questo feed RSS

Ricerche Storiche

Censimenti

Storia Civile

Storia Ecclesiastica

Curiosità

Come Eravamo